IMG_2493 buona IMG_2091

IMG_1544 IMG_2213

IMG_1607

IMG_2232

Misterman

di Enda Walsh
traduzione di Lucia Franchi
con Alessandro Roja
scena Katia Titolo
musiche originali ed effetti sonori Antonello Lanteri
voci off di Daria Deflorian, Irene Splendorini
e di Veronica Cruciani, Giordano De Plano, Andrea Di Casa, Federica Festa, Lucia Franchi, Francesco Montanari, Alessandro Riceci
organizzazione Laura Caruso
regia Luca Ricci
produzione CapoTrave e Pierfrancesco Pisani/Infinito srl
con il sostegno di Kilowatt Festival e Regione Toscana
residenza creativa presso Woolcan di Roma

La passione, l’impegno, la tenacia, la convinzione.Alcune persone si dedicano completamente a una missione.
Sono estremi, assoluti, limpidi, inattaccabili.
Sono bellissimi.
Mandano avanti Paesi disastrati e corruttibili come il nostro.
Alle volte, però, la loro ostinazione diventa pericolosa.
È sottile il confine tra costanza e mania.
Qui si indaga il punto di rottura.

LA VICENDA
L’ambigua ricostruzione dei fatti di un giorno catastrofico nell’esistenza di Thomas Magill, trentatreenne per il quale realtà e immaginazione sono profondamente intrecciate. Il ricordo di una decina di incontri tra Thomas e altrettanti abitanti del villaggio di Inishfree danno vita al racconto corale di una cittadina dell’Irlanda rurale di oggi, mentre si fa strada un oscuro presentimento di tragedia.

IL TESTO, LA TRADUZIONE, LA VERSIONE ITALIANA
Storico successo del drammaturgo irlandese Enda Walsh, mai rappresentato in Italia. Basato su una scrittura esuberante e selvaggia, il testo è tradotto da Lucia Franchi, fondatrice e drammaturga della compagnia CapoTrave.
Se nella versione originale il ruolo di Thomas è stato interpretato dall’attore cinematografico Cillian Murphy (il malvagio spaventapasseri di “Batman begins” e l’adolescente transgender di “Breakfast on Pluto”), in quella italiana tocca ad Alessandro Roja il compito di incarnare questo angelo vendicatore, terribile ritratto di innocenza che si trasforma in tossica follia.
Alessandro Roja – già protagonista di un precedente lavoro teatrale di CapoTrave, “I supermaschi”, del 2007 – si è rivelato al grande pubblico con il ruolo del “Dandi” nel fortunato “Romanzo Criminale – la serie” (2008-2010).

>Stampa